Laboratorio Pratico PC-Crash (Parte-1)

Il corso illustra la metodologia per la risoluzione di casi reali, affrontando sia l’aspetto dell’impostazione del problema sia spiegando l’utilizzo concreto del software e dei suoi comandi.

Il corso di apprendimento pratico dell’uso di PC-Crash è articolato in due diverse sessioni in ciascuna delle quali verrà affrontato un caso studio.

Il caso che sarà esaminato in questa prima sessione parte dal rapporto redatto, in modo incompleto, dagli agenti rilevatori. In particolare sarà mostrato come sopperire alla mancanza di dati o alla loro imprecisione.

Per ciascun caso si procederà alla soluzione con il metodo tradizionale e a quella con il metodo in avanti(simulatore).

A tutti sarà installato sul proprio personal computer l’ultima versione di PC-Crash

PROGRAMMA DEL CORSO:

– Ricavare la planimetria del luogo del sinistro da Google Earth Riportare sulla planimetria le misure dei verbalizzanti;

– Disegnare elementi di interesse sulla planimetria (es. detriti, tracce, etc);

– Analisi dei danni ai veicoli e delle modalità di collisione;

– Importare i veicoli in PC-Crash;

– Modificare i dati dei veicoli (es. massa, pneumatici etc);

– Assegnare disegni ai veicoli (sia 2D e 3D);

– Rappresentazione grafica delle defomazioni ai veicoli;

– Definizione delle posizioni di quiete dei veicoli;

– Impostazione delle sequenze (es. frenata post-urto etc.);

– Prima impostazione del sinistro;

– Ottimizzazione manuale: modifica dei vari parametri per ottenere la soluzione del caso;

– Utilizzo dell’ottimizzatore automatico;

– Analisi delle incertezze;

– Uso delle tabelle e dei diagrammi;

– Breve analisi della fase pre-urto;

– Stampa della planimetria in scala;

– Impostazione della relazione tecnica

Sarà poi mostrato come verificare la correttezza di una ricostruzione e come identificare una ricostruzione errata.

Quota d’iscrizione: 70,00 € + oneri di legge

Ai Periti Industriali verranno riconosciuti 7 Crediti Formativi

Nessuna data in calendario

  • Scrivici per info
  • Iscriviti alla nostra newsletter a fondo pagina per restare aggiornato

                                                                     RELATORI

Per. Ind. Gaetano Esposito

È titolare della Studio Tecnico Gaetano Esposito & Partner - Scisciano (NA), da lui fondato e gestito sin dal 1990, e ad oggi autorizzato dal CNPI per la erogazione di corsi di Formazione ai Periti Industriali. A livello associativo, Gaetano Esposito è membro di ASAIS-EVU Italia, associazione che raccoglie gli esperti che si occupano dello studio e dell'analisi degli incidenti stradali con metodologia rigorosamente scientifica. Studia ed utilizza PC-Crash dal 2007 ed è stato da allora ininterrottamente presente alle lezioni annuali di Steffan e Moser oltre a partecipare, con cadenza annuale, alle sessioni di crash test della DSD.

Ing. Carmine La Ringa

Laurea Magistrale In Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente conseguita presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" con tesi di laurea dal titolo: "Metodologie per l'analisi e il calcolo dei parametri dinamici negli urti veicolistici e validazione." Tirocinio curriculare universitario in attività inerenti alle "Metodologie di Analisi di Crash Automobilistici e ricostruzione dinamica degli incidenti stradali" presso lo Studio Tecnico Gaetano Esposito & Partner. Assegnatario di Borsa di Studio ASAIS-EVU Italia 2017 con progetto dal titolo: Analisi sperimentale dei modelli di collisione impulsivi - sensibilità rispetto al coefficiente di restituzione.

Ing. Carmine Matrisciano

Laurea magistrale in Ingegneria meccanica per l’energia e l’ambiente conseguita presso l’Università Federico II di Napoli; la tesi di laurea è stata svolta sull’ analisi e la validazione di metodologie per il calcolo dei parametri dinamici negli urti veicolistici, Argomento di cui è molto appassionato e con il quale ha a che fare già da diversi anni mediante l’attività lavorativa che svolge. Assegnatario borsa di studio ASAIS EVU Italia 2017 con progetto dal titolo "Analisi sperimentale dei modelli di collisione impulsivi - sensibilità rispetto al coefficiente di restituzione"

Lettori articolo: